Stone Balancing: l’arte di mettere le pietre in quilibrio

pietra in equilibrio
Vox6MpvvVWsos4UOwHBsAF8ej9K 0Lia0Wysofor7vijblvonNBCzWnQde7szvezt6G87yQMtlPC1LdvNPUA3YjnRL1m3pggPMMk5LY2YMymfwN8gm5UYTTc8IB6JCoiKD03R2wJQhhUP7ucxrvDejTVXYzrfMU0oR RvUnaH93pVCx7vfh7eKM4rWK8hTdZzeoIwy KlceTLlN07EKNukn5gyVRtRb0JTPWKn OW rK TtDrei6sE282m1ZAKkIbYK86aatP 6lf teGlRKrl Mo2reXQmxWompfJjIHo4H2fnDOnTM4eeQxH8ktMJOLOXHnL 4wrY2lZ1NFvE 9lHhW0eZ3AefCtYtiYShP HjGErgLb0oCnfm5J5qm8ePCg 1GOPVdCj4pK03uOTHOv5TP5iORs55r TX8zEj5zXeHL JNE6Um OQkGSJqCh j61nbICPivJ8YOCI62PjL1v6bZu i6dZw3Gw wt2OuO8USdjJwPssjJ ejfQf 0U mgQRCT79hAwGy2d2HVG Xp qcQP2O RIUKiPDwdcLj9x7rrhUu5UYz3 PfTepWYfiu9CakKts1U4cLkXtbwCJDUDvV5o2o YrDaVSx9MfEy CYfgf3sfk23d1WJ BXl8BCrxZM6IFaFSOS9p7gKKwvMG1hCUSBSy3gbyfyHOk452FIwFYwicofQXIgGTAQxvxyDTZn7PZC5xNyUnh KmxNA=w1566 h937 no

Per alcuni di noi, le pietre sono “esseri speciali”, silenziosi ed eterni nella loro storia fatta di milioni di anni passati in solitudine, calpestati per secoli e secoli da animali o da esseri umani senza aver mai avuto uno sguardo di ricambio. Ogni pietra ha una sua storia, segni profondi e indelebili come le cicatrici sulla nostra pelle; ogni pietra ha un suo peso, una sua forma, una sua dimensione e soprattutto, un suo equilibrio.

Da questo principio, nasce il concetto dell’Arte del Rock Balancing detto più comunemente “Stone Balancing“, una disciplina mentale rivolta a porre in equilibrio pietre e massi di varie forme senza alcun supporto ulteriore a quello delle stesse forze di gravita’.

yD vzTzwj9trav58EBPn5Qz6YQ4NW9GB6b1oLOnOy29qeIF5jBth64YEjRHv14mis0Mnc2KnFh9cBPpcM1VMKp8VhvZBzfi MjiXXPw7tl01tAnTRPS1T5ON78jtEbqsHKAcDCP9XxZGA3UiEQRx SOyO02WtxPih9wYND1lFHGAdarICqmgNjSk1a 7jqzHklMGVA6ujKU8z3j6zgteN3mBgRP2u60lPBhBC4AecpVmrGZGEHWwsUu1LIAD22 pPrFmFNybYU4HwFR1zYFPcux5 MKp7 T0b6AojPYQwmlYJisPghfD6MqEtCrGPK53IMKrnrSQTR5c0pjdcYQFMVL5SpEQE1cpPkgP8oihtU e0gpdmj8Kh5Qfl6Frw4Cgs7PiBv1XsTUuKoskQ9RsriWRa BkURgOds3mbU6KPEX zH3mM79Pe0DmfMsFx5JghdXTejZfo4 nZTvJriFSR1swLLlfIPhxxVXL1nuPjKHkYheJVjIKiSfYzp1PcuMWdsuSUJNqOW9Wt8vFgISVdGoOxwnEgG4 6XLSO23gSBTM9sZo62TJz56k GnPlFe54PuKFgciwsUpi1XtgZrsjyDQgDnY7t1zs jDTvTh1XUB5oG9wiyygWVe3nEACh0PN9r9lneKtMj0gnIsr2ntf9mTHzL MVKJgVTJBgkR8icXsSyeXahW23ZDdENaEYQ4lr3bKL3hOL6OCm v3itEyrd6hw=w1382 h937 no

Il balancing, vuole esaltare la forma di alcune pietre in un bilanciamento a volte al limite della “fisica” per ricordarci come la nostra vita spesso viva nel precario equilibrio tra passato e il futuro.

Il balancing ha una stretta relazione con la pratica ZEN, sia nell’esecuzione che nel risultato, in quanto è essenzialmente un viatico per la meditazione, l’aumento della sensibilita’ mentale e la percezione dello scambio di energia tra il soggetto e la pietra da porre in equilibrio.

Il tempo di esecuzione non e’ prevedibile, l’energia che scorre dal soggetto alla pietra diventa via via piu’ evidente , l‘effetto rilassante per la psiche si acquisisce nel tempo grazie anche al luogo dove solitamente si esercita : mare, fiumi , ovunque vi sia acqua in movimento e silenzio.

Tutti possono praticare quest’arte, tutti possono trarne beneficio dilettandosi in questa divertente forma d’arte effimera che dà eleganza e “spirito zen” ad una pietra; poi è solo questione di pazienza, creatività e respirazione. Non c’è un trucco, non c’è magia se non quella che per creare l’equilibrio serve trovare il suo baricentro e 3 punti di appoggio dove in questo caso sono molto ravvicinati a volte nello spazio di uno o due millimetri.

La Selezione della pietra

usrjBUTji7Y1AeUdCz3v4ewSCTBWv8k6lbm9grQQ7kraGa9KCOUEud bKlX1foJDlxCeUICGAc5oHxLB8u8wsK23pK4a9g1 qUL8SwWvR9frFp26sswSs0SqyWK2i1HoN LSGESiMhru2K5UvjITl0TR7icmR79 Vm4bIn8YyVZgZ70im3rcD3ZOi 06kqYxNDp7YoyFaH86hYE2WrHANw4gaRZxKmmlpR8rA BLlVPEmM9cKCbE RdMA1WUB9LmOGl F1R3xWj93KqStUu RrtFIEa6NZQhGuUQbJwdbcY0zyg73Oppd75ONzx e6rirlY9u72p hmlyaMeC0rHc3EuBAxROYM9iFQDllg8DbXQSjkx27ASY7jqJMpSmxoDkbsO8JBiLJ3ZFhMKW4zy1WEQvR3XHDu 28QTyiNY9htZ dyNkCxwJ7sQTGrP0631e5eZgiWN Ens5jIMiEWUs2CLUVRB8HQfIs1iDPBRpp2zo7Xi3SmxqARz2UJe HAQn5hmowr3tV2Gbrru5rNxX9wu90pA7zpD NVTGBBrw9HlLNZXdeVNLHM7GOT4E7fPUInH3FSe8Q8zFmYLztRw6zIro7Em0Qle8se4lFXO0UR4JrJdWFprIsjl5CUy9FN990KE iWbp9j8cTVKwrGJiCgN KGEizq6UV8FK2lLA1Y2 zov4 IV3 i830ui ak88 SRFjtJKteDlik5 ExwCE SoQ=w1426 h937 no
la selezione delle pietre è fondamentale…

La prima operazione è di selezione delle pietre da utilizzare ; sono solitamente sferiche o cilindriche. Almeno inizialmente devono avere un punto – che sara’ quello di appoggio in equilibrio – leggermente piano . Il formato, il peso e la struttura delle pietre sono importanti al fine di percepire se gia’ in se’ la pietra ha potenzialita’ di equilibrio corretto.

La valutazione del luogo

Anche il luogo e’ fondamentale, non solo per la quiete, i suoni e l’ambiente rilassante ma anche per la tecnica. Una base piana o semplice da ancorare, lo spazio sufficiente per poter bene osservare il risultato senza rocce o oggetti che schermano la limpidezza del risultato. E’ opportuno ricercare nelle vicinanze o sulla linea visuale alcuni punti di riferimento stabili per facilitare il “balancing”.

La fase costruttiva dell’equilibrio della pietra

YD36yOA7ZMvbEsaSx4k3J wS7 xIPYFbNyzeF1 tNTwjovgxviCZpM3W18qNV9nkUdNEqVtQiAx2NvPbnNIPXxqjyoyS9N fH4fUenBF6a7ofu Xl868iOCgkxiHw6D td3FHP6TS3XHj9k3e0S3H7Jn363eMB1b3JyNOTDMFbahAq3CmnSxyH2N3g0F9uLqQOko6kY1K0RZjptSL4G6SQIeCjPoXzbuwqxc CA4OrJlpABLgD vDEOsAkRLYZKIPk90sC3exm6rxu6FpeTHhqJvmT TWEMrGMqnPo5 3cqfvOXXOFIAU6IOrkhNDIw FMaQ07Fqbua0wpEmxM8jSRfQOs9Xba7J7Lr3n0PiiG2b IfcInAX7e87O0WLehMdhv4v3neyg4raBx bsWa6rUyChcNSTJuPupcm0c4DzwrRUoqYKuosroBDr3vTYb7q1oTJfQmQ7OdfTAWNXsRnanZJS 1WLMY6v ysFk8AigmaNzXHDNwZUzWq3vC XqxW7kN3Xcgs0BtnKMTMrYPYtzd65HeNIbsPF6P6boMSDyicyBUaQII0S7QyN2YEZKKJUqEui4dX4hbybKS1MZgcgkkQKsBGigiWrG7KM2n3hY7Ig5AsuS82PDDpsooSfKSmQg o6ciVQuEGfQvO0wpZDOA2I4Bn6iFBbNcUoq68C0e mS4a090fjWNQHRJG wYCdR0oOAkyMxtuqz3HM1N9A=w1064 h937 no
Esibizione a Toca da Oncha (RJ – Brasile)

Lo sviluppo dell’equilibrio richiede pazienza e concentrazione. E’ molto difficile realizzare il “rock balancing” in pubblico e l’attività è essenzialmente riservata e meditativa. La prima operazione è di selezionare la pietra dell’ancoraggio e di disporla sul luogo scelto, assestandola saldamente a terra come una superficie fondamentale. Si affronta poi il primo balancing con la pietra piu’ stabile.

È importante non predeterminare il numero di pietre e la figura con precisione, ma piuttosto prendere tali decisioni man mano che l’esercizio procede. Disporre una nuova pietra su quelle gia’ in equilibrio, richiede la risposta a cio’ che viene definito “equilibrio interno” della pietra. La disposizione di iniziale dovrebbe essere realizzata tranquillamente ma con elevato grado di risolutezza.

L’equilibrio non sarà sempre sullo stesso lato , dovra’ seguire la sensibilita’ alla gravita e alle singole forze del balancing che si va costruendo. Saprete quando ridurre il sostegno della nuova pietra man mano che l’esperienza e la sensibilita’ crescera’ in voi .

Solo quando la sensazione che la nuova pietra possa auto-gestire l’equilibrio dovrete ridurre la vostra pressione della mano in piccole fasi successive fino al completo “balancing”.

L’operazione piu’ complessa e fondamentale e’ sempre il “placing” della nuova pietra poiche’ questa dovrà prima di tutto rispettare l’equilibrio di quelle esistenti e poi costruirsi il proprio Occasionalmente il balancing di una pietra aggiuntiva potrebbe richiedere la variazione della posizione di una pietra gia’ in equilibrio. Attenzione a questa operazione , fatela se proprio e’ necessario poiche’ potrebbe minare “a ritroso” l’equilibrio complessivo raggiunto.

zlsJWB7G1sTZfTC8BJR2vOXgGpBmxkTWFtSL 75mURkF673dpyLcwo40vm0kr95DuAIlUiVOw5j0zwU4uLrLbUYDu1VDrk3X1htaBrqHsBKWV2Z1cuJWvbxLa956Nn7cXUtvz2f9O qbX4SGI07HoyT9QZZyw4mqsBxqBdayf7q3ZCWJaugdw2kBFL3cmAEBAGDO6Bl345c9War86tNDpdGlA Wt3osEC4yw5myX4Z7do1HkigsVcBbcl4Nuhh lMqbfQ6hmtcEONeCQs6iaH0WxZ UnSadw TwODAXBdjwMc5znsV VaV2vBQpAlpDYLi8MoXMYvsmj11H5aakeEVdHYfvQHQ HhpPgXvLdIWixQ LbUZYPrFzczIN5ggCSuEfhMd4vVGNeBlmxNSkGR6lbExYYJ hholl7oWbZhO47hPo0WzmlQ78 2l ewehy0hEkyPX1gsbENLvdVWMYV27gUkRvaqBiegmSxJdMABFkoEr8gYLClXPf4T8otGp2mNmBqtdxBc61Y 2L zQu1lmA5DCqON8qxLnvuDhw9f SvXMSrgAj1gmA dTIMsupo6qFQg3hGamVJlMtG v4BbsNlDTR1 usyx 6vhssXHnQ9PeNjR5vjyPMvgYX8jQEk4tiD Vrw Hb7MbV1MsLOB1pU6SkHKfLuHO352iZB2ciYG3E30NCDv99Vj TUtpGisWsiYVVbx6e2 bGHosLVLN9w=w1457 h937 no
Passerella del Peron (luogo fantastico per il balancing)

Il completamento dell’opera

KXLqkdeUd98UveMXbi evlCFsaa1olxr0gFCbOqcTLuRn1kSVDlb2 HGyZRTlwLp0P 0k1wmDzzydawzJjp14waNaNYu2L 8 uFOnMN6CPDNSmxvHmS8URGgHzwgkQKVeBQVSqo96trkT9D3A8mqc ExooPCmflccbpr xoVnw2bWpvspuTX5TZ8KZzdSE4mx3AKInA03XiN6uxiH6FjhPcD9xa49T7u9kQapUm8TFbhVTBJ FuVUjn4wwb5IMHmeRRadUQ5ycPei95qkdvP9jJF1hn90jivRNM HCiVG96ge6WyZhgvFEkJg8ugp3gCw1KV9q05umeAMjQfwMCY8oqkkKx9d7Qucwo8xCHdq8LhzrfhRyrEAk1DxT 1FJWoF HBDsS xlkshCEJjGxbsnIa4PuRDU N Hp8R 5CXpk853OH 79hmvhLi gw4mW4MQC0eVga pfdJvZlelMef6tNTkqQlB iwEr33dKuP4jk7W1Iw6snJhSfSt4pRbr1wzvHRk6IO0d22aGQYyccs phDq7qYMGOusv4JYg7fYg5vjTEuBkwdFCDs yblLjqG rWzhbe1go2gJdn4jjee9epwfcHrJRBPyrU33T6hgEgzUuvPK yq70ZwaRZ7flEy5eI5uWPW3XZ9W60w2UIMtQxajVjgBE7BzGemHVCm9i4oOc9rwJ5Oj Wb dTOD92IBVNWQi2KbgkgGbi1DJirIr9DQ=w1412 h937 no
Praia da Oura [2019 – Albufeira Portogallo]

Il completamento è legato all’estetica della struttura totale. Non si richiede un numero preciso o elevato di pietre in equilibrio, a volte i livelli estetici si raggiungono anche con poche pietre in posizioni spesso sorprendenti. Spesso le strutture realizzate a forma di fungo sono le piu’ sorprendenti ed esteticamente belle come alcuni soggtti dei quadri di Miro’.

Qualunque sia l’effetto finale si realizza con l’allontanamento della nostra mano e l’inizio della percezione visiva del risultato. E’ sorprendente l’energia positiva, rigenerante e rilassante che alcuni risultati portano a chi realizza un’opera di balancing. Fermatevi a lungo ad osservarla, da piu’ angolazioni, condividete la gioia e il momento estetico con qualcuno o se siete soli, ricordatevi di fotografarlo!
Apri la galleria di Foto di Stone Balancing di Mirco D’Incà

spiritualita, meditazione, filosofia-zen

Un pensiero su “Stone Balancing: l’arte di mettere le pietre in quilibrio

  1. Margherita dice:

    Mi hanno sempre stupito le immagini di pietre in equilibrio e mi domandavo chi le facesse, ma non sapevo fosse una tecnica meditativa. Bella e chiarissima la tua spiegazione, mi è venuta voglia di provarci….Grazie Mirco per questa chicca!

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere una migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.