Alfalfa, proprietà dell’erba medica che è un superfood

alfalfa erba medica

È nota nel medio-oriente fin dall’antichità, ed è stata definita Al-fal-fa, ossia “padre degli alimenti”. Un nome importante, quindi, che ci fa capire quanto quest’erba medica sia stata considerata come tesoro di preziosi principi nutrizionali. Perché? Cerchiamo di capirlo guardando alla sua composizione e ai principi attivi…

L’erba medica Alfa alfa e i suoi valori nutrizionali

I benefici dell’Alfalfa e le sue proprietà derivano dal fatto di appartenere alla famiglia delle leguminose. L’erba medica (Medicago sativa) quindi, è un legume ma particolarmente resistente agli agenti esterni e può raggiungere anche i 15 metri di altezza! Sono i germogli alfa alfa quelli ad avere più successo, dato che si utilizzano come alimentazione per i loro valori nutrizionali.
Spesso, però, si ricavano anche degli infusi dalle foglie di erba medica mentre da sempre viene utilizzata molto pure per il foraggio degli animali.

La versione bio Alfaalfa è quella che contiene i maggiori elementi di benessere per il nostro organismo, dato che mantiene intatte le sostanze più importanti. Ci sono i sali minerali come potassio, calcio, fosforo, magnesio, silicio, sodio, boro, ferro, manganese, rame, cobalto. Oltre alle fibre e agli elementi antiossidanti come betacarotene, xantofilla e clorofilla.

Per di più, alfa alfa come erba medica contiene anche numerose vitamine tra cui quelle D ed E, la vitamina K, le vitamine del gruppo B. A livello di enzimi digestivi, mette a disposizione lipasi, amilasi, coagulasi, invertasi, perossidasi, pectinase, proteasi e saponine.

La pianta Alfalfa (Medicago sativa) – credits commons.wikimedia.org

Bio alfalfa le proprietà benefiche

Questi sono sono alcune delle sostanze che rendono quest’erba medica ottima per un’azione rimineralizzante e fortificante.

I germogli di alfa alfa, infatti, contengono dei valori nutrizionali che sono in grado di:

  • ridurre i livelli di colesterolo nel sangue
  • favorire il senso di sazietà grazie alle fibre
  • donare sostegno energetico in caso di astenia e convalescenze
  • contrastare gli stati di affaticamento psicofisico.

A livello di “lotta” al colesterolo in eccesso, inoltre, alcuni studi rivelano che l’erba medica possiede un’ottima quantità di steroli (betasitosterolo e stigmasterolo). Sostanze che agiscono bene sul metabolismo dei lipidi per mantenere livelli corretti di colesterolo.

Secondo alcuni studi le saponine di stelo e foglie dell’Alfalfa riducono le concentrazioni di colesterolo nel sangue, senza modificare le concentrazioni di colesterolo lipoproteine ad alta densità, e diminuiscono anche l’assorbimento intestinale di colesterolo.

Inoltre, i principi estrogeni nell’Alfaalfa come il cumestrolo, la genisteina, la formometina e altri isoflavoni, sono ottimi per chi deve integrare nella dieta un alimento per contrastare i sintomi e gli effetti della menopausa. La sua funzione simil-estrogenica aiuta a regolarizzare il ciclo mestruale e la produzione di ormoni.

Il betacarotene, invece, contenuto nei germogli di alfa alfa svolge un’attività di potenziamento della risposta immunitaria, oltre a proteggere la cute e rallentando la comparsa di rughe.
L’effetto rimineralizzante dell’erba medica, la rende utile quando sono presenti carenze di calcio, e disturbi come l’artrite o l’ittero.

A livello storico, Alfalfa è stata spesso usata dalla medicina ayurvedica per trattare i disturbi del sistema nervoso centrale. Anche nella medicina tradizionale cinese per trattare calcoli renali, febbre e per alleviare ritenzione idrica e gonfiore. Utile anche nell’alleviare il dolore da artrite, per trattare i muscoli doloranti e i problemi urinari.

Germogli di Alfalfa – credits www.pikrepo.com/

Germogli di Alfa alfa controindicazioni

Come tutte le sostanze di fitoterapia, è consigliabile un consulto del proprio medico prima di assumerne determinate quantità.
In particolare, se si è in presenza di disturbi manifesti, e soprattutto se ne sconsiglia l’uso in caso di gravidanza o allattamento.

Compro Alfa alfa, sì ma dove?

L’erba medica può essere consumata in germogli al naturale ma è molto più diffusa la sua versione sotto forma di integratori alimentari.
Se cerchi dove comprare l’erba medica, vai sulla pagina dedicata alle confezioni di Bio Alfalfa. Qui trovi Medicago sativa liofilizzata di alta qualità > https://www.naturazen.org/negozio/alfalfa-polvere/

Tutti i componenti usati sono di natura biologica.

Per visionare alcuni studi sulle proprietà dell’Alfalfa – Medicago sativa >

https://www.tandfonline.com/doi/full/10.3109/13880209.2010.504732

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere una migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.